Manovra, tasse in più anche per le sociali e le agricole PDF Stampa Scrivi e-mail
(0 - user rating)
Notizie
Martedì 06 Settembre 2011 15:57

E’ tutto vero. La riduzione della percentuale esente dalla tassazione – dal 70 al 60% - per le cooperative a mutualità prevalente non è l’unico balzello: il provvedimento licenziato ieri dalla commissione Finanze e tesoro del Senato e approdato all’aula prevede anche comunque l’imposizione fiscale sul 10% degli utili destinati a riserva.

 L’ulteriore imposizione va a colpire tutte le cooperative indistintamente: quelle a mutualità diversa (o a mutualità non prevalente per le quali la quota esente resta al 30% degli utili), quelle prevalenti (in aggiunta alla diminuzione della quota esente che, per le cooperative di consumo, passa dal 45 al 35%), le cooperative del credito (ieri in commissione non sono passati gli emendamenti che le salvaguardava dato che hanno l’obbligo di destinare a riserva almeno il 70% dell’utile), le cooperative agricole e della piccola pesca (escluse dalla riduzione della quota esente che resta all'80%) e anche le cooperative sociali, prima completamente esenti. Sempre che in aula non intervengano modifiche e chiarimenti.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla templates by a4joomla